Termovalorizzatore con pista da sci di Copenhill - Copenhagen

Coordinatore: Prof. Marco Ragazzi, Segretario Scientifico del Venice 2020
Ospiti: Dr. Niccolò BertocchiDirettore Esecutivo di Neveplast
Dr. Patrick Gustavsson
, Direttore Tecnico e CEO della Fondazione Amarger Bakke
Dr. Ole Hedegaard Madsen, Direttore Tecnologico della B&W Vølund

Copenhagen. L’impianto da sci Copenhill sulla copertura dell’impianto waste-to-energy ha aperto ufficialmente il 4 Ottobre. Venerdì 4 Ottobre, la pista da sci del nuovo impianto waste-to-energy, progettato dall’architetto emergente Bjarke Ingels, nel cuore della capitale danese, ha finalmente aperto al pubblico. E’ un progetto unico che apre un capitolo importante nella storia della tecnologia, che va ad integrarsi con la sostenibilità, il design e la cultura sportiva. Amager Bakke è stato ribattezzato come Copenhill, in riferimento a questa collina, quale effettivamente è Copenhill, che si staglia su Copenhagen: un impianto ultramoderno waste-to-energy, ma anche una montagna di quasi 90 metri di altezza, dove è ora possibile sciare 365 giorni l’anno. L’Amager Bakke di ultima generazione va così a definire nuovi standard in termini di performance ambientale, efficienza energetica e tecnologia per il trattamento dei rifiuti.

Appena oltre l’argine, rispetto al palazzo della regina, comprende una copertura con pista da sci e un sentiero per escursioni, con alberi che si innalzano su sezioni di valore paesaggistico. L’impianto è stato realizzato dall’Amager Ressourcecenter, di proprietà di cinque comuni di Copenhagen.

L’Amager Bakke è dotato di due serie di forni, una turbina congiunta e un sistema di generazione. Ogni serie brucia 35 tonnellate di rifiuti l’ora ed è progettata per:

  • Il trattamento di circa 400,000 tonnellate di rifiuti annui prodotti da 600,000 abitanti ed almeno 46,000 aziende
  • La produzione di elettricità per un minimo di 50,000 abitazioni e di teleriscaldamento per 120,000 abitazioni
  • La produzione di vapore ad una temperatura di 440 °C e pressione a 70 bar, che permette una efficienza elettrica doppia rispetto all’impianto originario
  • Un livello di emissioni notevolmente minore rispetto al limite europeo a cui si fa riferimento all’interno delle Migliori Tecniche Disponibili per l’Incenerimento dei Rifiuti 2019


La località sciistica più eccezionale al mondo vanta una pista di 400 metri, dotata di quattro ascensori, fra cui impianti di risalita e nastri trasportatori, ed è interamente made in Italy. La pista è stata prodotta da Neveplast, un’azienda di Bergamo, leader mondiale nel settore di piste sciistiche artificiali.


Contatti:

NEVEPLAST
Via Galvani 18, 24061 Albano Sant'Alessandro (BG) Italy
neveplast@neveplast.it / www.neveplast.com